Skip to content

Social Master Tool: l’evoluzione nel social media marketing

5 novembre 2009

Social master tool

Tempo fa ho partecipato ad una discussione su linkedin: “ha senso parlare di media social plannig?”

In sostanza, come faceva notare Leonardo:

le aziende devono abbracciare le conversazioni e partecipare ai Social media in maniera spontanea, autentica, naturale, reale, e non forzatamente, aritificialmente, soltanto perché dobbiamo esserci o perché lo fanno i nostri concorrenti, ha realmente senso parlare di “Pianificazione”? Io parlerei piuttosto di strategie, orientamento, strategie.

A rafforzare questo concetto esce sul mercato un nuovo strumento di gestione tutto italiano: il Social Master Tool.

Il social master tool non è, infatti, uno strumento di pianificazione ma piuttosto un ottima soluzione gestionale ed operativa che permette di tenere sotto controllo tutte le attività media social e la propria reputazione on line.

Grazie a Claudio Ancillotti ho avuto il piacere di testare il prodotto.

Tutorial copertineL’interfaccia è veramente intuitiva e con l’ausilio dei 5 brevi tutorial messi a disposizione si riesce a capire e sfruttare da subito le potenzialità offerte dal social media tool.

Vediamo nello specifico che cosa permette di fare.

Innanzitutto permette di raccogliere tutti i materiali che si desidera pubblicare, dagli articoli alle immagini ai video. In questo modo si riesce ad avere ben organizzati tutti gli elementi che vogliamo divulgare in rete.

Una volta raccolto tutto il materiale sarà possibile pubblicarlo su tutti i publisher classificati per tipologia (dai comunicati stampa ai social network). La cosa interessante è che ogni tipologia è ulteriormente suddivisa in ragione della categoria di appartenenza, così, ad esempio, una volta scelta la tipologia “social network” sarà possibile approfondire la ricerca del publisher in base alla categoria “social news” (dove possiamo trovare aggregatori come Liquida, Wikio, oknotizie, ecc..) oppure in base alla categoria “microblogging” (dove troveremo siti di microblogging come Meemi, Beemood, ecc..) e così via. Ovviamente le liste possono essere ampliate ogni volta che nasce un nuovo servizio in rete.

Pensa alla velocità e facilità con cui si può gestire il lavoro: vuoi pubblicare un articolo? scegli la categoria “social news” e inserisci il tuo articolo su tutti i relativi aggregatori. Vuoi pubblicare un video? scegli la categoria “video sharing” e pubblica il tuo video su tutti i relativi publishers.

Attraverso il software sarà possibile ricercare tutto il materiale che abbiamo pubblicato (anche dove è stato pubblicato) e, osservando i risultati ottenuti, capire dove concentrarsi per migliorare o raffinare le azioni.

Infine il social media tool integra la funzionalità “social media analytics” che dovrebbe consentire di tracciare e verificare i risultati di ogni singola campagna media social.

A mio parere è un buonissimo strumento per la gestione delle attività web 2.0 intraprese da un’azienda. Riesce, senza dubbio, a semplificare il lungo lavoro di pubblicazione, ricerca e monitoraggio delle nostre attività social sul web. Se anche la funzione analytics offre quello che promette (purtroppo non ho potuto testarla) direi che il social media tool è uno strumento consigliatissimo a tutte le aziende che decidono di intraprendere la (ormai necessaria) strada del web 2.0.

Share

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: