Skip to content

Comunicare in tempo di crisi: i brand esaltano la loro storia

15 febbraio 2010

Visto l’ottimo risultato del suo primo post, Martina Casani ha deciso di regalarci un’altra perla. Dunque, spazio alla dottoressa!

Cosa hanno in comune Monte dei Paschi di Siena, Barilla, Boscolo Hotels, Richard Ginori e Johnny Walker?
Vediamolo con alcuni video.

MONTE DEI PASCHI DI SIENA, Una storia italiana in 60″

Uno spot che celebra la storia e le antiche radici di un marchio storico italiano, presente in Italia da oltre 500 anni.E lo fa con un regista esponente del cinema italiano, Marchio Bellocchio, dando visibilità ad alcuni prodotti tipicamente italiani, al punto di far pensare ad una campagna di product placement e a qualche accordo di co-marketing.

BOSCOLO HOTELS, 30 anni di ospitalità in 30″

Un viaggio nell’ospitalità, dalle atmosfere anni ’60 fino alle più moderne ambientazioni del 2009, per enfatizzare, nuovamente, il valore storico di una marca.

BARILLA, 132 anni dalla fondazione in 132″

“Anno dopo anno dovremo sempre tenere in mente una cosa:
diamo alla gente quello che daremo ai nostri figli.” Ancora una volta, dentro un’atmosfera vintage country, una storia.

RICHARD GINORI, una storia ad opera d’arte, dal 1735

http://update.richardginori1735.com/

Non è uno spot, ma un video istituzionale, purtroppo molto nascosto all’interno del sito dell’azienda, lo strumento con cui si racconta l’esperienza di una grande espressione dell’artigianato e dell’arte italiana, evidenziandone il valore storico.

JOHNNY WALKER, Keep walking, dal 1819.

L’ha recentemente segnalato Massimo Carraro, ma avrei voluto farlo io, per prima, tra le oltre 350.000 persone che hanno visualizzato, pensate un pò, la storia di un marchio leader del mercato del whisky, ma ancor prima della storia scozzese.
Verrebbe da pensare che forse le marche non hanno più niente da dire, se devono ricorrere alla celebrazione del passato, invece che alle promesse future.
Tuttavia mi viene da pensare che in questo momento, così turbolento e intriso di incertezza, forse anche le marche, come le persone, cercano una propria identità in ciò che nessun competitor, nessuna crisi e nessuna moda può mettere in discussione: le proprie radici.

di Martina Casani

Annunci
4 commenti leave one →
  1. 15 febbraio 2010 14:57

    …e penso che a chiudere la saga non possa che essere lo spot alitalia-del-rilancio-pre-cordata..!!!

  2. 18 febbraio 2010 09:48

    Io concordo sulla mancaza di messaggio, meno sulle radici. Credo che il problema sia principalmente dovuto al fatto che le armi del marketing sono oramai spuntate di fronte a una platea sempre più restia agli acquisti e al consumo. Puntare sulla propria storia è un’arma da sempre utilizzata, perchè “io c’ero da prima” o “noi ci siamo da sempre” sono, da sempre, un modo per prevalere sulla concorrenza. Purtroppo però, la brand fidelity è ai minimi storici e non è detto che queste campagne abbiano il riscontro voluto (tanto per non parlare solo di video che ne pensate delle “tovagliette” retrò di Coca-Cola all’autogril? il marketing formato anni 50). Insomma, se non si sa cosa comunicare tutti cercano, per limitare i danni, di fare brand, ma allora tanto varrebbe tornare a un modello ancora più diretto, signori: “comprate la brillantina linetti”.
    comunque complimenti per il post!

  3. Alessia Palma permalink
    18 febbraio 2010 10:49

    credo che storia di qualità e legame con il paese valorizzano la stabile e positivia esistenza sociale di una marca e ciò possa avere una valenza di rassicurazione,rispetto ad una crisi economica che ha messo in discussione molte certezze economiche e sociali del passato..

    • Martina permalink
      22 febbraio 2010 11:13

      Grazie a tutti per le osservazioni. Mi hanno fatto riflettere su una possibile altra interpretazione che accomuna questi casi, che sto approfondendo in questi giorni: i film citati sono riconducibili alla tecnica di comunicazione dello “STORYTELLING”. Segnalo a beneficio di tutti un interessante articolo, sul tema, di Gabriele Qualizza, su http://www.brandforum.it. A presto, Martina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: